ReAct, da CROSSHUB un aiuto concreto alle imprese.

Si sente tanto parlare di aiuti alle imprese, di agevolazioni, di finanziamenti, di smart working. Molte di queste iniziative sono lodevoli, anche se spesso risultano di difficile raggiungimento o a volte, …

Le fake-news, spiegate semplicemente.

Un fenomeno osservato e stranamente non combattuto come si dovrebbe facendo perdere la credibilità dell’intero comparto. Vediamone, forse, il perché. Tutti noi oramai ci imbattiamo in notizie di dubbia provenienza, pubblicate …

Navigare in sicurezza filtrando il Malware e contenuti per Adulti alla fonte, si può.

Oggi vi spiego il funzionamento del DNS di Cloudflare, il “famoso” 1.1.1.1 Innanzi tutto, occorre una breve spiegazione di cosa sia un “DNS”. I server (siti web, posta elettronica ecc) sono …

Nessuna tassa sui blog: chi opera sul web senza fini di impresa e di lucro, può stare tranquillo. E con loro anche Beppe Grillo che aveva invitato i blogger a trasferire il loro “diari digitali” all’estero.

Da TGCOM:

In sostanza, ha spiegato Ricardo Franco Levi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’Editoria a conclusione della sua audizione nella Commissione Cultura della Camera dove ha preso avvio il ddl di riordino del settore, l’iscrizione al Roc, il registro presso l’Autorità garante per la comunicazione, riguarderà chi opera su internet con fini d’impresa, escludendo dunque il singolo privato che da solo utilizza la Rete. L’obiettivo, ha ribadito ancora Levi, resta quello di regolamentare il settore editoriale “in modo che non ci siano operatori troppo forti che violano le leggi sella concorrenza e del pluralismo”.

Un principio che non può riguardare solo la stampa scritta o l’emittenza radio televisiva, ma anche il web. “Siamo tutti d’accordo nell’affermare – ha aggiunto il sottosegretario – che il giornale on line deve avere le stesse caratteristiche di responsabilità del giornale di carta”. Classificare ed avere un registro degli operatori sul web risponde dunque, ha spiegato Levi, alla necessità di evitare condizionamenti e alterazioni del mercato, “ad esempio attraverso la distribuzione o la raccolta di pubblicità su internet” evitando cosi’ posizioni dominanti.

Author

giovanni@prignano.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.