ReAct, da CROSSHUB un aiuto concreto alle imprese.

Si sente tanto parlare di aiuti alle imprese, di agevolazioni, di finanziamenti, di smart working. Molte di queste iniziative sono lodevoli, anche se spesso risultano di difficile raggiungimento o a volte, …

Le fake-news, spiegate semplicemente.

Un fenomeno osservato e stranamente non combattuto come si dovrebbe facendo perdere la credibilità dell’intero comparto. Vediamone, forse, il perché. Tutti noi oramai ci imbattiamo in notizie di dubbia provenienza, pubblicate …

Navigare in sicurezza filtrando il Malware e contenuti per Adulti alla fonte, si può.

Oggi vi spiego il funzionamento del DNS di Cloudflare, il “famoso” 1.1.1.1 Innanzi tutto, occorre una breve spiegazione di cosa sia un “DNS”. I server (siti web, posta elettronica ecc) sono …

L’ICANN – Internet Corporation for Assigned Names and Numbers – ente internazionale “No profit” che conta partecipanti da tutto il mondo e opera nell’intento di rendere internet sicuro e stabile, ha stabilito che le compagnie private potranno utilizzare il proprio nome come suffisso dei propri siti web, per esempio al posto dei suffissi .org o .net. La decisione è scaturita da una riunione del suo Consiglio di Amministrazione riunito lo scorso 20 giugno a Singapore.

Nuovi gTLD (Top Level Domain di primo livello) cambieranno il modo di trovare informazioni su Internet ma anche il modo in cui le grandi imprese potranno gestire la loro presenza online con l’opportunità di commercializzare i propri brand, prodotti, in modi nuovi e innovativi. Secondo gli esperti, i primi a fare domanda saranno le grandi corporation e le città, per registrare i domini generici (gTLD) di marchi famosi, o nomi di luoghi, come “.newyork”.

ICANN avvierà presto una campagna globale per comunicare questo grande cambiamento nei nomi di Internet e per far conoscere le opportunità offerte da nuovi gTLD. Le domande di nuovi gTLD saranno accettate dal 12 gennaio 2012 al 12 aprile 2012.

Fonte: www.icann.org/en/press/

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.