Italiani, popolo di impavidi pirati?

Share with:


Notizia fresca di queste ore, 223 indagati che rischiano pene fino ad 8 anni di detenzione per aver utilizzato sistemi atti a fruire le piattaforme Pay-Tv senza pagare il relativo canone. Quale è il vostro pensiero?

Lasciando da parte le scuse scontate (costa troppo, tutti ladri, i programmi non sono interessanti ecc) quale è il vostro parere? è giusto far pagare anche ai fruitori di questi sistemi di pirateria?

La Legge non ammette ignoranza, nemmeno su reati percepiti dai più come poco più che marachelle. Non pagare per un servizio, qualunque esso sia, equivale , di fatto, a rubarlo. Ce ne dobbiamo fare una ragione e una volta per tutte capire che quello che per tanti anni ci hanno fatto credere, cioè che su internet deve essere ed è tutto gratis, non è vero.

La gravità del reato è sempre relativa, non si può pensare che vista l’esiguità del costo mensile, è permesso “rubarlo”, non può essere così. Se lo fosse, si arresterebbero gli investimenti in tecnologie, in dipendenti, si fermerebbe il futuro. Si, anche mancando i 50 euro dell’abbonamento trafugato con leggerezza dal signor Rossi, convinto dall’amico “furbo” che si vede Sky a casa senza pagarlo.

L’altro aspetto, tutto Italico, è rappresentato dal gusto che alcuni provano nell’avere qualcosa con destrezza e furbizia, senza pagarlo. Si perché a loro i 50 euro non sarebbero un problema pagarli, ma vuoi mettere la soddisfazione di dire all’amico che lui è “furbo” e non paga…

Insomma, quello che dobbiamo capire e farlo divenire il nostro pensiero convinto, è che non vi potrà essere alcuno sviluppo ne un futuro se il nostro popolo continuerà a razziare servizi.

Autore: Giovanni Prignano

Tecnofilo,  imprenditore seriale, evangelista dell'Innovazione. Da sempre in prima linea nell'ideazione e creazione di aziende innovative. Classe 1961,  nel 1995 ha creato e fondato il primo provider internet nazionale, Flashnet. Precedentemente è stato tra i primi a produrre e distribuire i PC compatibili (DataFlash) e a distribuire cellulari. Successivamente ha fondato il primo ecommerce globale (Flashmall), poi il primo provider Voip (Vira). Oggi offre la sua consulenza a Startup  ed Imprese che aspirano ad una rapida crescita. Mail: giovanni@prignano.it   Skype: giopri61   Vedi tutti gli articoli di Giovanni Prignano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.